domenica 15 settembre 2013

Il mattino ha l'oro in bocca

Lo squillo disturbante di un campanello, una porta che rimane chiusa, un uomo affascinante incontrato al bar sotto casa.

 Il confine tra paradiso e inferno è labile, si scioglierà come neve al sole.


Continua a leggere in Ragtime e altri racconti